Novità
RLoad.eu
Sei nuovo? Ti piace la nostra community e vorresti farne parte? Iscriviti è gratis!
Ci raccomandiamo di leggere bene il regolamento, cosi da stare bene assieme ed aiutarci con l'amministrazione di tutti i servizi offerti da RLoad.eu!

Buona permanenza e buon divertimento da parte di tutto lo staff di RLoad.eu!
  • Ciao Ospite, il sito è in attualmente in BETA.
    Se trovi bug o imperfezioni ti invitiamo a segnalarli nell'apposita sezione: "BUG".
    BETA 1.2 - Visualizza i ChangeLogs

Mac vs Windows?!

windows-mac-logo.png

Mac vs Windows, Cosa scegliere?
Alla base di un networker professionista ci sono 3 cose:
  • I contatti con una lunga lista nomi.
  • Una strategia ben studiata.
  • I dispositivi utilizzati.

Oggi voglio parlarvi dell'ultimo punto, i dispositi!
Sin dall'inizio dei tempi dei computer e dei gadget elettronici abbiamo visto una grande guerra, aperta tutt'ora, tra Apple e Microsoft.
Noi tutti abbiamo preferenze e ci schieriamo dalla parte di uno o dalla parte dell'altro... Ma questa guerra ha senso?
Vi rispondo subito! Una volta forse aveva senso correre e "mettere i bastoni tra le ruote all'avversario" per arrivare primo ed innovare il mercato ma ora che le tecnologie si sono sviluppate possiamo solo scegliere quello che fa per noi.


Entrambe le case produttrici portano prodotti molto validi sul mercato sia a livello hardware (Apple), che a livello software (Microsoft).
Ora la domanda che ci stiamo ponendo tutti è "Cosa ci conviene acquistare ed utilizzare?".
Io oggi sono qua per rispondervi, con fonti ricavate da portali web validi e con le mie considerazioni personali, visto che possiedo entrambi i dispositivi... Iniziamo!


Se l’estetica e la cura del dettaglio è sempre stato il fiore all’occhiello di Apple, la situazione negli ultimi tempi sta rapidamente cambiando. È vero che sul mercato sono ancora presenti modelli economici Windows non proprio bellissimi e realizzati con materiali a buon mercato, ma Microsoft e altri produttori come Dell, Lenovo e Razor Blade hanno recentemente sfornato dei piccoli gioiellini. Il Surface Studio PC di Microsoft si presenta, a dire di molti esperti del settore, come un modello dal design estremamente innovativo, così come i tablet Surface Pro 4 e i laptop Surface Book sono una gioia per gli occhi. Il look, insomma, fino a ieri, prerogativa quasi assoluta del colosso di Cupertino, adesso deve fare i conti con concorrenti sempre più attenti al design. I prezzi sono aumentati, è vero, ma chi cerca la qualità – adesso – ha valide alternative a Apple.

Microsoft Windows 10 e Apple macOS sono due sistemi operativi completamente diversi uno dall’altro. Gli ingegneri di Cupertino, da sempre, hanno puntato su una user experience semplice e gradevole, oseremmo dire “rassicurante, dove tutto fosse integrato, riducendo al minimo l’intervento dell’utente. Quando usate un Mac tutto solitamente fila liscio, raramente si verificano malfunzionamenti dovuti a bug, è piuttosto sicuro (non come anni fa) e il sistema fa esattamente quello che avete in mente. Insomma, è semplice da usare quando è abbinato a componenti Apple o sviluppati appositamente per Mac. Quando l’intero “ecosistema”, in altre parole, è targato Apple. E lo stesso discorso vale per l’iPhone, l’iPad e l’iPod. Il rovescio della medaglia è che tutto questo lo rende meno configurabile rispetto a un PC. Microsoft sta cercando di creare un ecosistema che offra la stessa semplicità d’uso di un Mac, ma l’ambiente Windows 10 che – tra l’altro – è un ottimo sistema operativo – è molto più frammentato, lo è sempre stato. Richiede maggiori competenze tecniche per la configurazione, per l’installazione delle applicazioni e delle periferiche compatibili con Windows, ma non sviluppate rispettando i rigidi standard, invece, richiesti da Apple. Va, però, ricordato che Windows 10 funziona su un’enorme quantità di dispositivi, dai portatili ai più ingombranti PC all-in-one, e perfino sui tablet. MacOS è, invece, disponibile solo per i notebook, i desktop e i computer all-in-one Apple. La differenza che si evince, a questo punto, è che l’ecosistema Apple è “autonomo” e completo, quello Microsoft no – almeno per ora – richiede sempre l’aggiunta di qualche elemento se volete usarlo al massimo delle sue potenzialità.

Se a prima vista il fatto che Windows sia un ecosistema aperto, con maggiori possibilità di configurazione e modifiche, sicuramente più complicato da gestire rispetto a un sistema Apple, possa sembrare a prima vista un punto a favore di Cupertino, è invece un vantaggio per chi cerca la “potenza”. Parliamo di chi lavora in maniera professionale con il video e il foto editing, ma soprattutto per i giocatori incalliti. Questa tipologia di utenti cerca la personalizzazione del sistema, la possibilità di poter aggiornare il computer con le ultime generazioni di CPU, schede grafiche e storage, per avere sempre a disposizione l’hardware più performante. Un Mac non è aggiornabile: bisogna comprare un modello più potente per stare al passo con i tempi. È per questo motivo che Apple, come molti sostengono, punta a un target di utenti di fascia media. Non a caso alcuni utenti Mac, negli ultimi tempi, stanno passando a Windows che – a loro dire – non è mai stato così potente, efficiente e ben congegnato.

Ed eccoci al dunque: dipende da una serie di variabili. Se siete alla ricerca di un computer affidabile, disponete di un iPhone o altri dispositivi Apple, cercate la semplicità, lavorate prevalentemente con programmi di produttività personale, non siete interessati a grandi cambiamenti e personalizzazioni, allora il Mac è la soluzione che fa per voi. Se, invece, siete attirati dalla possibilità di plasmare il computer in base alle vostre esigenze, costruire una “user experience” tagliata su misura per voi, non c’è niente di meglio di un sistema Windows. Ma c’è ancora un aspetto molto importante da valutare che, spesso, non dipende da voi: l’ambiente in cui userete il computer. Ora, se acquistate il computer per lavorare con altre persone, sarebbe opportuno forse scegliere la stessa piattaforma. Se siete l’unica persona che usa un Mac in un’azienda dove tutti lavorano con Windows, è più complicato interfacciarsi con loro. Lo stesso dicasi se avviene l’esatto contrario. Non è che sia impossibile per un PC e un Mac “comunicare”, ma richiede un po’ più di impegno da parte vostra per integrarvi nell’ecosistema utilizzato dalla maggior parte degli utenti.

Spero che questo Articolo sia utile per la vostra scelta personale!
Cordiali Saluti Denis Giacometti.
 
Denis - zGiacometz

Alto